Gentile Professore,

ho letto e visto immagini relativo a questo nuovissimo trattamento mi sembra si chiami MC1 che a quanto pare fa miracoli sulle adiposità localizzate, cellulite e lassità. Io che sono continuamente a dieta e che tendo ad accumulare grasso proprio sui fianchi sarei la candidata ideale?

-Teresa

Salve Teresa

si tratta di una macchina di ultimissima generazione che utilizza la tecnologia ultrasonica defocalizzata e si differenzia in maniera sostanziale da tutte le altre presenti attualmente sul mercato.
In pratica gli ultrasuoni penetrano nel tessuto sottocutaneo, riducendo le cellule adipose, senza però danneggiare i tessuti circostanti.
Inoltre, oltre al manipolo che lavora sul grasso, c'è un ulteriore manipolo per il massaggio linfodrenante, che accelera la funzione del circolo linfatico e lo smaltimento dei grassi liberati.
Il trattamento ha una durata di 40 minuti, non è assolutamente doloroso, anzi le pazienti si rilassano ed ha un costo do €150 a seduta.
Un protocollo minimo di lavoro prevede 6 sedute, ma i risultati sono visibili già dopo la prima seduta.
Le sedute vengono eseguite con cadenza settimanale.
Saluti

Caro Professore,
ho letto tanto di questa nuova macchina Mc1 che lavora sul grasso e pare faccia miracoli. Io sono la classica donna mediterranea del sud Italia, fatta di carne più che di ossa, ma vorrei tanto modellare il mio punto vita e fianchetti che non sono il massimo.In questo caso è efficace la macchina e quante sedute dovrei fare per vedere un risultato ?

Grazie in anticipo

Stefania

 

Cara Stefania, viva le donne del sud e viva le donne fatte di carne; detto questo rispondo subito al tuo quesito.La macchina di cui hai tanto letto Mc1 appunto, utilizza una combinazione di ultrasuoni a bassa frequenza, una combinazione di energia a radiofrequenza e vacum. In pratica accade questo, l'energia della radiofrequenza e degli ultrasuoni a bassa frequenza forniscono calore alla pelle e di conseguenza al grasso sottostante, provocando il riscaldamento dei tessuti e la loro contrazione. Il vacum invece e gli impulsi di RF controllata lavorano in sinergia per fornire il rimodellamento della silhouette. Solitamente consiglio 6 sedute a distanza di una settimana l'una dall'altra, ma non è escluso che dopo la quarta tu riesca già ad ottenere risultato. Ovviamente, come tutti i macchinari non invasivi, andiamo a lavorare su zone modeste.

Buone Vacanze!

Prof.Giulio Basoccu

Gentile Professore,

sono un ragazzo di 36 anni con un fortissimo handicap, che purtroppo invalida la mia vita sociale già da qualche anno. Sono praticamente stempiato e mi sono accorto che andando avanti con gli anni le cose peggiorano, in quanto la perdita dei capelli sta cominciando ad interessare anche il centro della nuca. Vorrei sottopormi ad un trapianto di capelli, volevo però un attimino sapere tecniche e costi e se ci sono buone possibilità.

Giuseppe

 

Salve Giuseppe,

la cavizie è spesso vissuta come un deficit irreparabile, come una perdita di virilità o comunque con un profondo disagio, senza ovviamente che dietro ci sia un razionale, nel senso che la vita senza capelli può avere la stessa qualità che si ha con la chioma folta, anzi spesso è molto apprezzato dalle donne l'uomo calvo. Detto questo, capisco perfettamente il tuo disagio, che è comune a moltissimi uomini, giovani soprattutto che versano nella tua condizione. Dal punto di vista terapeutico e chirurgico abbiamo fatto passi avanti a livello di tecnologie ad altissimo successo di risultato. Personalmente ritengo che la tecnica monobulbare (prelievo di singole unità follicolare) sia la più efficace, anche se dietro si cela un lavoro certosino. La tecnica che utilizzo è microchirurgica ed ha come finalità la ridistribuzione naturale del patrimonio bulbare attraverso il trapianto appunto. L'intervento non è di per se doloro, il paziente è sveglio e cosciente, verrà semplicemente addormentata la zona di prelievo e di impianto. Si procede spostando i singoli bulbi dalla zona donatrice alla regione calva o diradata. Le tecniche utilizzate sono due FUT e FUE e si differenziano sostanzialmente per la modalità di prelievo delle unità follicolari.

Tu mi chiedevi se avevi buone possibilità, hai certezze, non possibilità, non solo, il trapianto essendo una soluzione permanente, risolve il problema in maniera definitiva.

Per quanto riguarda la questione prezzi, molto dipende dall'ampiezza della zona da trattare a prescindere dalla tecnica, diciamo che la forbice va da un minimo di 3000€ ad un massimo di 6000€. Sono solito procedere prima del trapianto con una seduta di PRP che servono a fortificare ancora di più i bulbi presenti nella zona donatrice.

Spero di esserle stato d'aiuto.
Prof. Giulio Basoccu

 

Gentile Professore,
diversi anni fa mi è stata iniettata una piccola quantità di silicone, secondo un suo collega che ho visto tempo fa impossibile da eliminare. Il chirurgo che mi ha vista, ha sconsigliato l'intervento chirurgico perchè dice che non acrei risultati anzi peggiorerei la situazione e mi ha spiegato che il silicone avrebbe assunto la consistenza simile a quella del mercurio che fuoriesce dal termometro, quindi tante micro palline impossibili da individuare e quindi anche da eliminare.
Il problema è che il mio labbro ha assunto una forma oscena, innaturale e poco gradevole, per questo le chiedo una soluzione a questo mio problema.
Grazie per la disponibilità
Sabrina

Buongiorno Sabrina,

per quanto riguarda la possibilità di rimuovere il silicone, l'unica strada è quella chirurgic. E' logico che trattandosi di un intervento chirurgico particolare, dal momento che effettivamente è spesso impossibile rimuoverlo del tutto, non possiamo dire con certezza che tutto il silicone verrà rimosso, anche perchè caratteristica di questo materiale è proprio la sua migrazione. Io non mi sento di essere così precipitoso, perchè per esperienza personale devo dire che i risultati sono stati, almeno fino ad oggi, soddisfacenti, sia per la paziente che per me.Quello che si cerca di ottenere è comunque una rimozione quanto più completa possibile, salvaguardando nello stesso tempo l'aspetto estetico del viso.

Prof.Giulio Basoccu

Caro Professore, ho 34 anni e non sono mai stata magra.La scorsa estate ho iniziato una dieta e con successo ho perso 30 kg, pensavo che la mia vita cambiasse in meglio, invece il mio corpo è forse se possibile più brutto di quando avevo tutti quei chili di troppo. Il dietologo che mi ha seguita mi ha consigliato un intervento di addominoplastica, il fatto è che io ho avuto anche due gravidanze con il taglio cesareo e credo di aver avuto un prolasso.
Spero lei possa regalarmi la serenità di vivere con il mio corpo.
-Federica

Cara Barbara sicuramente il suo è un caso abbastanza comune a tutti i pazienti che hanno subito un importante calo ponderale, per cui si rende spesso necessaria un'addominoplastica, al fine di correggere l'eccesso di cute che ne consegue. Quindi l'informazione che le ha dato il collega è sicuramente giusta, anche in virtù del fatto che lui a differenza mia ha potuto verificare materialmente l'entità del "danno". Spesso, e da quello che descrive credo proprio sia il suo caso, si associa anche una diastasi dei muscoli retti dell'addome, vale a dire un rilassamento della parete muscolare dell'addome, di conseguenza anche in questo caso l'unica soluzione è quella chirurgica, che si esegue in contemporanea con l'addominoplastica. Tutte queste informazioni ovviamente le sto dando in maniera del tutto generale, perchè come saprà è per me fondamentale visitarla e verificare il suo stato.
Prof. Giulio Basoccu

Salve Professore, vorrei avere informazioni per quanto riguarda una mastoplastica riduttiva.

Ho un seno molto grande e cadente, nonostante i miei 26 ani, che mi porta inevitabilmente problemi di postura ed altri fastidi alla schiena. Sono però molto indecisa perchè da una parte vorrei ridurlo, ma allo stesso tempo vorrei che mi venissero inserite protesi per sollevarlo.

Credo sia un intervento a metà strata tra lifting del seno e riduttiva.

Sono però incinta e tra un mese e mezzo partorirò, quando pensa sia possibile fare la prima visita e quanto dopo finito l'allattamento.

Aspetto sue notizie.

Grazie.

Letizia

 

Cara Letizia

per quanto riguarda l'intervento chirurgico da te ipotizzato, si tratta della classica mastopessi con protesi, cioè l'intervento che permette di risollevare nuovamente il seno nel sua posizione originaria e con l'ausilio di una protesi, si mantiene la consistenza e la proiezione desiderata.

In sede intraoperatoria si valuta poi quanto eccesso di tessuto cutaneo rimuovere. Riducendo il volume si ovvia ai molti problemi legati al peso del seno, come la postura e la pressione sulla colonna vertebrale e toracica.

Tenendo conto del periodo bellissimo che stai vivendo io ti consiglio di viverti in tutta tranquillità l'allattamento e poi ci si pensa ad intervenire, anche perchè a prescindere dal fatto che tu decida o meno di allattare dovrai comunque dare al tuo corpo la possibilità di riprendersi, anche perchè non dimentichiamo che la prolattina aumenta. Auguri per il parto

Professor Giulio Basoccu

"Vorrei avere informazioni in merito al trapianto di capelli su una donna (mia figlia), quindi approfondire alcuni dettagli e sapere se siete presenti anche su Milano. grazie"
- Laura.

Buongiorno Laura,

per quanto riguarda l'autotrapianto di capelli è possibile eseguirlo anche su donne, con le due tecniche Fue o Fut a seconda del caso studiato. Ovviamente ogni singolo caso va valutato con attenzione, così da proporre l'intervento più opportuno.

Sono presente anche su Milano e ricevo su appuntamento, anche se la sede operativa è Roma.

Saluti

Prof.Giulio Basoccu

"Gentilissimo Prof. Basoccu, la disturbo perché ho un problema che mi affligge ormai da parecchi anni. In pratica nove anni mi sono rivolta ad un chirurgo estetico che per dare volume alle rughe naso-labiali, mi ha iniettato Aquamid. Ora a distanza di anni, consapevole di tutta la sua pericolosità, vorrei rimuoverlo. È possibile? La prego di aiutarmi perché sono molto depressa, non faccio altro che pensare a quando comincerò ad avere problemi seri. Attualmente sento due grandi noduli sotto la pelle che mi hanno creato due grandi scalini innaturali ai lati della bocca. la prego mi aiuti. "
- Antonella.

Ciao Antonella,

prima di tutto di devo tranquillizzare e rassicurare sui potenziali rischi futuri, per i quali sei così tanto preoccupata. Non è assolutamente detto che tu debba riscontrare problemi, perchè a meno che non sia silicone quello che ti hanno iniettato e non mi pare che lo sia, i filler permanenti stanno li, non creano in linea di massima problemi. Quegli scalini di cui parli, probabilmente sono dovuti a cambiamenti relativi al tuo viso, sarai dimagrita, ingrassata, diventata più matura in viso, i filler sono stati messi anni fa e probabilmente eri diversa.

Stai tranquilla, comunque se ti fa stare più tranquilla vieni a trovarmi così possiamo valutare insieme la situazione.

Saluti

 

Prof. Giulio Basoccu

"Caro Professore, molte delle persone che conosco hanno completamente sposato la filosofia dei fili, perchè, pare, facciano miracoli. Io sono un pò scettica, ma chiedo a lei un parere in merito, ho 45 anni ed un doppio mento che adrebbe sollevato, i fili sono la soluzione giusta per me?"
- Claudia

Cara Claudia,

senza dubbio i fili di trazione sono sicuramente l'ultima tendenza in medicina estetica, anche se in realtà non si tratta di una novità in assoluto, sono già diversi anni che esistono sul mercato, la novità risiede piuttosto nella loro sicurezza. In linea di massima possodirti che si lavora molto bene su collo, interno braccia, interno coscia, addome, viso, glutei, ptosi generale.

I fili hanno dalla loro il pregio di esercitare appena posizionati, un'azione di trazione, per poi riassorbirsi gradualmente, ma allo stesso tempo mentre si riassorbono stimolano i fibroblasti a riattivare la produzione di nuovo collagene.

Questi fili agiscono sia per l'ancoraggio, ma anche sul ricambio e rinnovamento cellulare, quindi sulla formazione di nuovo collagene.

Nel tuo caso potrebbero dare un ottimo risultato.

Saluti

 

Prof.Giulio Basoccu

"Gentile Professore, mi è capitato di leggere ultimamente, che i glutei, si possono modellare non solo chirurgicamente, ma anche ambulatorialmente con iniezioni di acido ialuronico. Vorrei saperne di più perché sono particolarmente interessata alla cosa. Saluti"
- Valentina.

Non solo è possibile dare volume e turgidità ai glutei, ma il risultato è ottimo. Si utilizza acido ialuronico macromolecolare, reticolato, in gel più denso e viscoso, rispetto a quello utilizzato per trattare il viso, viene iniettato con una piccola cannula smussa, delle dimensioni di un grosso ago. L'iniezione intradermica viene effettuata tra il grasso ed il muscolo. Si esegue ambulatorialmente, i tempi di recupero sono immediati ed il risultato dura per circa due anni.

 

Prof. Giulio Basoccu

"Buonasera Professore, le pongo due domande inerenti ai fili elastici per rimodellare l'ovale del viso. È possibile che si stacchino una volta inseriti? Forniscono un risultato soddisfacente oppure sono solo uno specchietto per le allodole? La ringrazio anticipatamente per la risposta."
- Patrizia.

Buonasera a lei,

intanto una precisazione: esistono da una parte i fili di trazione, dall'altra i fili biostimolanti.

I fili di trazione esercitano appunto una trazione e se posizionati correttamente, non danno alcun problema nel tempo.

I fili biostimolanti, sono riassorbibili, ed esercitano una progressiva biostimolazione, mentre iniziano a riassorbirsi e servono a tonificare e migliorare la tensione del viso e del collo.

 

Prof. Giulio Basoccu

"Ho 27 anni sono alta 1,78cm e peso 65 kg, non ho particolari problemi, ma un cruccio che mi porto da quando ero ragazzina: ho il sedere piatto. Cosa non darei per avere quelle rotondità che madre natura dovrebbe donare ad ogni donna per il solo fatto di essere donna. So che esiste un intervento che potrebbe fare al caso mio, mi darebbe qualche informazione in più?"
- Emilia.

Salve Emilia,

la soluzione al suo "cruccio" come lo chiama lei, potrebbe essere o un intervento di gluteoplastica, che consiste nell'impianto di protesi ad hoc nella parte alta delle regione glutea, oppure microinnesti adiposi, che si sostanziano nell'aspirazione di grasso autologo (laddove lei avesse delle regioni corporee da cui poterlo aspirare) ed il reinserimento dello stesso nel sottocutaneo e nella massa muscolare delle aree da ingrandire, realizzando centinaia di piccoli tunnel in modo da consentire un attecchimento ottimale. La scelta dipende dalla base da cui si parte ed anche dalla possibilità o meno di poter aspirare grasso.

 

Prof. Giulio Basoccu

"Carissimo Professore, vorrei effettuare un trattamento non chirurgico per la riduzione del grasso localizzato e la cellulite sia all'interno delle ginocchia che sui fianchi. Sono abbastanza in forma, ma con una distribuzione del grasso non uniforme, esistono trattamenti per questo genere di inestetismo?"
- Edith.

Buongiorno Edith,

il trattamento delle adiposità localizzate con tecniche non chirurgiche è possibile sottoponendosi all'intralipoterapia o alla lipoclasia ad ultrasuoni.

Nel primo caso si infiltrano le aree da trattare con una specifica soluzione lipolitica, che scioglierà il grasso. Sono necessarie 2-3 sedute, a distanza di 30-40 giorni una dall'altra.

La lipoclasia ad ultrasuoni prevede, invece, l'utilizzo di sonde che emettono ultrasuoni in grado di "rompere" gli adipociti. In questo caso può essere suffiente una sola seduta.

Ovviamente è fondamentale poterla visitare per proporle il trattamento più idoneo al suo caso specifico.

 

Prof. Giulio Basoccu

"Ho 17 anni, ma da quando mi si è sviluppato il seno ho sempre avuto problemi. È grosso, cadente, con smagliature e con una forma a pera, per non parlare del fatto che è asimmetrico, completamente diversi. Inoltre l'areola è grossa, mentre i capezzoli sono piccini. So che mi dirà che sono giovane, che devo aspettare, ma mi creda per me è diventato veramente un incubo. Mi aiuti la prego"
- Elisa.

Ciao Elisa, per quanto riguarda la correzione di un seno come quello che mi descrivi, sicuramente la soluzione è l'intervento chirurgico con l'utilizzo di protesi. La tua giovane età impone un'attenta valutazione e visita preliminare a cui è necessario, anzi direi che è la conditio sine qua non, la presenza di almeno un genitore. Successivamente potremmo decidere insieme la strada da seguire.

 

Prof. Giulio Basoccu

"Gentile Professore, io le scrivo perché ho una curiosità. Come mai i prezzi della medicina estetica e della chirurgia estetica variano da città a città ed in alcuni casi come nella mia città Napoli, sono molto bassi? Sinceramente, in tempi di crisi è logico che si cerca di risparmiare ma c'è da fidarsi?"
- Marisa.

Cara Marisa, quella di cui parla è una grossa piaga per noi chirurghi, che facciamo questo mestiere con serietà e professionalità.

Purtroppo, l'ho detto già altre volte, oggi tutti si improvvisano medici estetici e questo fa si che senza alcuna capacità si effettuano ogni genere di trattamento, con chissà quale sostanza, con il rischio di deturpare letteralmente le pazienti.

È vero c'è crisi ed in questo momento tutti hanno bisogno di risparmiare, ma le faccio io una domanda adesso, vale veramente la pena ribassare la sua identità con il rischio di non riconoscersi nemmeno allo specchio? Faccia lei!

 

Prof. Giulio Basoccu

"Buongiorno Professore, vorrei avere un'informazione. A seguito di un laser per smagliature fatto due anni fa, lo scorso anno dopo essermi esposta al sole, mi sono comparse delle macchie nella zona glutei. Più che macchie diciamo che è un'area ristretta che si è pigmentata, assumendo un colore più scuro del mio incarnato, che vorrei assolutamente rimuovere. Non è visibile in maniera eccessiva in quanto il colorito è di un marroncino chiaro non troppo scuro. Si può fare qualcosa?"
- Fede.

Buongiorno, sicuramente la sua situazione merita un'attenta valutazione. Solitamente consiglio trattamenti laser o peeling chimici depigmentanti. È necessario comunque poterla visitare così da proporre il trattamento più idoneo al suo caso specifico. Inoltre, le ricordo che il peeling non va d'accordo con il sole, per cui se la sua intenzione è quella di continuare ad esporsi, forse è il caso di posticipare il nostro incontro.

 

Prof. Giulio Basoccu

"Buongiorno Professore, volevo chiedere se effettua il trattamento di rinofiller, ho un lieve difetto di punta che tende verso il basso e vorrei correggerlo, ma non con un intervento vero e proprio. È possibile?"
- Fra.

Buongiorno, l'utilizzo di filler per il rimodellamento del naso è possibile effettuarlo, senza alcun problema ed i risultati sono ottimi.

Prenda, ovviamente, questa risposta in maniera generale, anche perché è per me indispensabile poterla visitare per valutare l'entità del difetto da correggere, dal momento che non tutti i nasi sono così trattabili.

 

Prof. Giulio Basoccu

"Buongiorno Professore, ho letto il suo articolo riguardante l'intralipoterapia e vorrei avere ulteriori delucidazioni a riguardo. Ho 43 anni e da sempre la cellulite mi perseguita in modo prevalente e massiccio sulle gambe e sui glutei ( polpacci e caviglie compresi). Ho speranze?"
- Annamaria.

Cara Annamaria,

tutti abbiamo sempre una speranza!

Scherzi a parte, l'intralipotarpia è una metodica non chirurgica con la quale si riesce a correggere limitati accumuli adiposi, migliorando quindi il profilo corporeo. Se poi la si abbina a trattamenti drenanti e cicli di carbossiterapia, si ottengono ottimi risultati anche sulla ritenzione idrica e sulla cellulite. È comunque indispensabile poterla visitare così da proporle il protocollo di lavoro più adatto al suo caso specifico.

 

Prof. Giulio Basoccu

"Buongiorno Professore, la contatto per avere un'informazione se possibile! Però l'intervento che sto per chiederle è qualcosa di diverso dal solito; ho sentito parlare di una tecnica spagnola che consiste nell'inserimento di una soletta plantare all'interno del piede e anche di iniezioni di una sostanza sempre sotto alla pianta per crescere di statura circa 4-5 cm. Lei è a conoscenza di questa tecnica di accrescimento di statura, se così fosse vorrei avere info su come funziona e quanto costa. "
- Marika.

Marika, per quanto riguarda il tipo di intervento che mi proponi, si tratta di pura speculazione, nel senso che non mi risultano interventi efficaci per correggere la statura mediante l'inserimento di materiale protesico al di sotto del tallone.

Dico sempre di diffidare di chi promette la luna!

 

Prof. Giulio Basoccu

"Gentile Professore, volevo sapere se effettua il lipofilling per l'aumento del seno. Grazie in anticipo per la disponibilità."
- Anna .

Salve Anna,

con la tecnica del lipofilling si può correggere il volume del seno senza l'utilizzo di protesi. Il risultato non è permanente, in mendia il risultato dura 2anni più o meno, poichè l'impianto di grasso si riassorbe gradualmente.

Ovviamente è fondamentale poterla visitare, così da valutare il volume di grasso da impiantare e quindi la sede da cui prelevarlo.

Prof.Giulio Basoccu

"Salve Professore, ci siamo visti qualche mese fa perché volevo sostituire le mie vecchie protesi che avevo messo con un suo pseudo collega, che sono diventate durissime e con una forma strana. Avevo aspettato perché nel frattempo pensavo di aver contratto un virus, perché avevo sempre la nausea, invece ho scoperto di aspettare Jacopo. Detto ciò il problema rimane, ma è rimandato a dopo il parto, a questo si è aggiunta la cellulite, la ritenzione idrica e le smagliature e mi chiedevo se almeno su queste posso intervenire già da ora, che sono incinta di 5 mesi. Aspetto con ansia una sua risposta."
- CarmenFrancescaRomana.

Ciao,

mi ricordo perfettamente di te e credo di averti anche fatto una battuta sulla tua nausea di cui mi avevi accennato ed a quanto pare non sbagliavo.

Ovviamente l'intervento di sostituzione protesi è rimandato di un anno, tra fine della gravidanza e processo di ripresa.

Per quanto riguarda l'aspetto cellulite e company, è normale che ci sia, ma non si può in alcun modo intervenire in maniera aggressiva. Posso consigliarti, però, dei cicli di pressoterapia, una metodica di linfodrenaggio meccanico, che oltre a rilassarti completamente, ti aiuta con la ritenzione idrica. Importante è che tu ti idrati il più possibile nelle zone che si dilateranno inevitabilmente, quali addome, gambe, glutei, perché se ben idratata la pelle rimane elastica e non ti rimarranno segni.

 

Prof. Giulio Basoccu

"Carissimo Professore, ho sentito parlare della cura del vampiro, io ho 37 anni e da quando avevo 1 anno soffro di alopecia aerata. Nel corso degli anni i miei capelli sono cresciuti per poi ricadere poco dopo. Attualmente ho la testa completamente calva ed è per questo che volevo sapere se questa cura può fare al caso mio. La ringrazio di cuore"
- Annamaria.

Buongiorno Annamaria,

la tecnica del PRP nel trattamento dell'alopecia è sicuramente un aiuto molto valido, anche se va attentamente valutata la situazione di partenza, così da poter ipotizzare un risultato. Il trattamento mira a stimolare i bulbi quiescenti ed è ancora da dimostrare l'efficacia in aree ormai prive di bulbi.

 

Prof. Giulio Basoccu

"Salve Professore, vorrei rimuovere un tatuaggio dal braccio, ad altezza spalla abbastanza grande. quante sedute servono per togliere un tribale. "
- Andrea.

Buongiorno Andrea,

per quanto riguarda la rimozione dei tatuaggi, si possono trattare con il laser Q-Switched.

Il risultato è soggettivo, perchè dipende dal tipo di pigmento utilizzato, dalla profondità in cui si è depositato, dallo spessore del derma.

In linea di massima sono necessarie tra le 8 e le 10 sedute, a distanze di un mese una dall'altra, anche se già dopo la terza - quarta seduta si vedono i risultati.

Un discorso a parte merita, invece, se il paziente ha solo intenzione di schiarire il tatuaggio per poterci tatuare nuovamente sopra. In tal caso una copertura può essere fata già dopo due sedute.

Contattami pure, per qualsiasi altra informazione.

 

Prof. Giulio Basoccu

"Salve Dottore le scrivo sempre per la cura del vampiro a cui vorrei sottopormi. ho 22 anni e sono stempiata e vorrei cercare di migliorare le cose con questa tecnica. Quanto dura il trattamento? come viene lavorato il sangue?"
- Eleonora.

Buongiorno Eleonora,

per quanto riguarda la tecnica del PRP per il trattamento della calvizie, si tratta di una metodica per stimolate la ricrescita di bulbi "quiescenti" o rinforzare quelli già esistenti.

Solitamente si esegue il prelievo e dopo che il sangue viene lavorato per 20/30 minuti viene iniettato nelle aree identificate in accordo con il paziente.

Si eseguono di solito 2-3 sedute l'anno e ogni volta la procedura è identica.

 

Prof. Giulio Basoccu

"Caro Professore,
ho 36 anni e da anni ormai sogno di fare una liposuzione addominale; sono normopeso e con un peso direi stabile dall'ultima gravidanza che risale ormai a 5 anni fa. Sono alta 1,70cm e peso 64kg, il mio problema è la classica ciambella. Si può intervenire in qualche modo?"
-Monica

"Caro Professore,
ho appena compiuto 40 anni e vorrei regalarmi una blefaroplastica, in quanto da qualche anno ritengo che il mio sguardo sia spento e mi sta dando anche grosse difficoltà visive a causa della pelle che cede. Tuttavia volevo avere qualche informazione in più."
Marzia

Il suo è un caso molto frequente, spesso infatti l'eccesso di pelle sopra gli occhi, può limitare il campo visivo.

La blefaroplastica è l'intervento che permette di correggere palpebre cadenti e borse sotto gli occhi e può riguardare le palpebre superiori, inferiori o entrambe. In fase chirurgica, si provvede ad eliminare l'eccesso di muscoli, cute e grasso dalle palpebre; l'incisione avviene lungo la lima ciliare, in questo modo il taglio è pressocchè invisibile. E' un intervento di routine, molto semplice, seppur delicato. Si esegue in anestesia locale, con una leggera sedazione per dare al paziente il massimo comfort. Personalmente opto per la notte di degenza, ma in realtà il paziente dopo qualche ora potrebbe tranquillamente tornare a casa.

Dopo circa 10 giorni si potrà vedere il risultato completo, dando il tempo ad edemi e gonfiori di sparire.

Share by: